Disfunzione erettile e impotenza: cause, sintomi e rimedi

Disfunzione erettile e impotenza

La disfunzione erettile è una condizione abbastanza difficile con la quale convivere, e che colpisce moltissimi uomini, specialmente quelli un po’ più avanti con l’età. Quando si parla di questa disfunzione, si fa riferimento all’incapacità o alla difficoltà nell’avere o nel mantenere un’erezione soddisfacente, nonostante si provi comunque un forte desiderio sessuale e bisogno di avere un rapporto.

Si tratta di un problema che colpisce gli uomini oltre i 40 anni (nella maggior parte dei casi), e si tratta di una patologia che può essere causata da moltissimi fattori diversi, quali ad esempio alcune condizioni fisiche, l’assunzione di specifici medicinali oppure problemi di tipo psicologico. In ogni caso, per valutare la patologia e per creare una cura adatta a risolverla, c’è sempre bisogno di un esame accurato e obiettivo, in grado da fornire una corretta e precisa anamnesi.

Il trattamento di questa patologia comprende sia una terapia di tipo causale, cioè mirata an risolvere quelle che sono le problematiche che impediscono l’erezione, e una terapia di tipo sintomatico, che ha come scopo quello di permettere al soggetto di avere nuovamente un’erezione.

Come prevenire l’impotenza

La disfunzione erettile consiste, come già citato, nella difficoltà o addirittura nell’impossibilità di avere un’erezione o di mantenere un’erezione del pene per un tempo sufficiente al rapporto sessuale, nonostante la presenza di desiderio sessuale. Per gli uomini, soffrire di questa condizione è sicuramente una fonte di vergogna e di imbarazzo, e questo può portare ad un cambiamento (ovviamente in negativo) dell’umore e del proprio stato d’animo.

disfunzione erettile

La disfunzione nell’erezione del pene, però, non causa malessere solamente nel soggetto che ne soffre: si tratta di una condizione che ha delle ricadute psicologiche anche nella vita di coppia, sull’umore del partner e sulla qualità della vita del singolo e della coppia. Per quanto riguarda la differenza tra disfunzione erettile e impotenza, ci sono moltissime persone che credono che le due espressioni siano in realtà sinonimi.

Altri, invece, sostengono che l’impotenza comprenda un gran numero di disturbi sessuali, quali ad esempio quelli che riguardano l’impossibilità di avere un’erezione del pene, che impediscono l’eiaculazione o che hanno impatto sull’orgasmo. Dunque, non vi è una vera e propria legge riguardo come etichettare l’una o l’altra patologia, che colpiscono per lo più gli uomini che hanno compiuto già 40 anni di età.

Sono molte le cause che possono portare a questa disfunzione, ma ci sono anche molti rimedi.

Cause principali

La disfunzione erettile, che comporta un’impossibilità nel riuscire ad avere un’erezione o nel riuscire a mantenerla per un tempo sufficiente, può essere causata da un numero di fattori veramente grande. Alcune tra le cause della disfunzione erettile possono essere, ad esempio, delle condizioni mediche: quindi, se si stanno assumendo dei farmaci, questi possono influire sull’organismo e impedire di riuscire a raggiungere un’erezione.

Secondo gli esperti in materia, sono state individuate poi cinque tipi di cause fisiche che possono portare ad un’impossibilità di erezione del pene:

CausaMotivazione
cause fisiche traumatichein questo caso, la disfunzione è causata da un trauma al pene
cause fisiche vascolariqueste comprendono tutte le patologie che impediscono al sangue di affluire in modo corretto verso il pene, favorendo l’erezione
cause fisiche neurologichequeste comprendono le diverse condizioni mediche che hanno un impatto sul sistema nervoso, e la conseguente difficoltà quindi da parte di quest’ultimo a controllare il pene
cause fisiche ormonalicondizioni mediche che hanno una conseguenza sulla produzione di ormoni che governano l’erezione del pene
cause fisiche anatomichecondizioni mediche che portano ad un’alterazione nell’anatomia del pene (si parla di disfunzione erettile anatomica)

Si è anche visto, però, che una disfunzione erettile può essere causata da un forte stress, da ansia e da altri stati psicologici.

Cause psicologiche

Ci sono diverse condizioni che possono portare allo sviluppo della disfunzione erettile: questa può essere causata, ad esempio, da particolari farmaci, da condizioni di salute oppure da particolari fattori fisici. Tra le moltissime cause che possono portare ad una difficoltà nell’avere o nel mantenere a lungo un’erezione ci sono sicuramente anche delle cause di matrice psicologica.

Infatti, la possibilità di riuscire ad avere una erezione soddisfacente dipende anche dalla psiche e dal suo stato. Sono diverse le condizioni psicologiche che hanno un impatto in questo campo:

  • depressione: dei lunghi periodi di tristezza o basso tono dell’umore  possono portare a non riuscire ad avere un’erezione;
  • ansia: moltissime situazioni di disagio, preoccupazione o paura possono portare a sviluppare una certa ansia, con la quale è difficile convivere;
  • problemi o traumi emotivi: questi a loro volta possono essere scaturiti da problemi relazionali, abusi e violenze sessuali, inesperienza in campo sessuale, disturbi o disfunzioni sessuali precedenti, paura di un nuovo partner.

Insomma, sono moltissime anche le cause psicologiche che possono avere un impatto sul pene e sulla capacità di erigersi.

Fattori di rischio

La disfunzione erettile, in generale, tende a manifestarsi in alcuni uomini adulti che hanno già superato i quaranta anni: si tratta di una condizione che può essere causata, come già visto, da moltissimi fattori. In ogni caso, ci sono poi dei fattori di rischio ai quali bisogna prestare occhio, e i quali possono far aumentare vertiginosamente le possibilità di soffrire di questa condizione prima o poi.

Tra i fattori di rischio più conosciuti ci sono:

  • l’uso di droghe;
  • l’abuso di alcol;
  • invecchiamento;
  • il diabete o altre malattie cardiovascolari;
  • il sovrappeso ma anche l’obesità;
  • alcuni trattamenti tra cui la chirurgia, la radioterapia o la chemioterapia;
  • infortuni al pene;
  • depressione o diversi problemi di tipo psicologico.

Certo, riuscendo a mantenere uno stile di vita sano è sicuramente positivo, in quanto riesce a ridurre drasticamente le possibilità di soffrire, in futuro, di disfunzione erettile o di altri problemi relativi al pene o all’erezione.

Rimedi

La disfunzione erettile è una patologia che purtroppo colpisce moltissimi uomini, ma tuttavia, grazie allo sviluppo in campo tecnologico e medico degli ultimi anni, sono stati sviluppati moltissimi rimedi diversi che possono aiutare il soggetto a guarire da questa condizione. Tuttavia, bisogna fare un passo indietro ed iniziare a capire prima quali sono le cause che portano a soffrire di questa patologia che causa così tanto imbarazzo ed anche vergogna.

La prima cosa che bisogna fare, infatti, è sicuramente quella di scavare in fondo e capire se la disfunzione è causata da fattori fisici, clinici oppure psicologici: solo una volta stabilite quali sono le cause della disfunzione erettile, allora si possono capire i rimedi più adatti. Ad esempio, se la disfunzione è causata da problemi psicologici, potrebbe essere d’aiuto iniziare a seguire una cura psicologica, in modo da superare e risolvere quelle che sono le ansie o i traumi che portano a questa condizione.

Poi, se invece si tratta di una disfunzione causata da una cura medica, allora si può agire in modo diverso, seguendo ad esempio una cura in parallelo o attendendo la fine della cura che causa la disfunzione. In ogni caso, la scelta migliore è quella di consultare il proprio urologo, il quale sarà sicuramente individuare la causa alla base della disfunzione, curandola al meglio.

Sintomi

Per quanto riguarda i sintomi della disfunzione erettile, si può dire che il quadro sintomatologico di questa patologia comprende diversi elementi:

  1. difficoltà nell’avere un’erezione;
  2. difficoltà nel mantenere un’erezione per un tempo sufficiente al rapporto sessuale;
  3. calo del desiderio sessuale;
  4. mancanza del fenomeno della tumescenza peniena notturna;
  5. problemi di eiaculazione e problemi dell’organismo.

Solitamente, in un uomo che non soffre di questa disfunzione, la tumescenza peniena (in termini di  episodi, durata e frequenza) cambia in base all’età. Ad esempio, negli adolescenti ci sono 4 episodi a notte, che durano 30 minuti, mentre in un anziano si registrano due episodi che durano molto meno di 30 minuti.

In ogni caso, è importantissimo rivolgersi subito al medico quando la disfunzione erettile è accompagnata anche ad episodi di eiaculazione ritardata oppure prolungata, compare insieme a delle condizioni mediche come le cardiopatie oppure il diabete.

Fonti

Articoli più letti

Altri articoli

Articoli correlati